Ti trovi in: Home Sport Volley Cassano alla Trivianum. In maglia numero 1!
Cassano alla Trivianum. In maglia numero 1! PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Comunicato   
Martedì 28 Dicembre 2010 00:44

Pallavolo Serie B2 Maschile Girone G.
"Non si può non essere orgogliosi di quanto di buono questa città sta esprimendo a livello pallavolistico negli ultimi anni. In queste settimane in particolare, la Trivianum sta conquistando i titoli dei quotidiani per gli straordinari successi che sta ottenendo sui campi italiani, candidandosi ufficialmente al salto in Serie B1. E’ un momento di forte esposizione per la nostra comunità, per il nostro territorio e per le nostre imprese che con grande coraggio stanno investendo in questa esperienza  che ci rappresenta concretamente e al meglio, fuori dalle mura cittadine e della nostra regione".
Con queste parole, il Sindaco di Triggiano Michele Cassano ha esordito nel discorso di fine anno rivolto agli ospiti della Caffetteria Baraonda, una delle tappe itineranti ed informali che il primo cittadino, da qualche anno, preferisce ai saloni istituzionali per rivolgere ai cittadini gli auguri di Natale.

“Dopo trent’anni – continua Cassano- siamo tornati sulle cronache sportive e non solo. Siamo praticamente sotto i riflettori, ma soprattutto colgo da questa meravigliosa avventura una capacità importante, strategica e fondamentale per il futuro: fare rete. In questo, la Trivianum ha assunto un modello davvero esemplare anche per club storici e blasonati d’Italia. Grazie anche ad un protocollo di intesa sigillato tra il Comune di Triggiano e la società triggianese di pallavolo, basato su dinamiche di marketing e promozione del territorio, la Trivianum riesce a connettere una moltitudine di soggetti ed operatori del nostro tessuto in grado di progettare e perseguire obiettivi extra sportivi o veicolabili dallo sport. Un esempio per tutti. E’ di qualche ora l’accordo concluso con la Oleovinicola Coldiretti di Triggiano che prevede una migrazione reale dei prodotti oleari verso tutte le città italiane toccate dal campionato di Serie B2 di pallavolo. Si aggiungano il Pane di Triggiano, i libri scritti dalle nostre “penne”, i nostri taralli, i nostri eventi, le sagre, le nostre bellezze. Insomma tutto il nostro saper fare ora viaggia per le mani dei giocatori che fisicamente consegnano agli avversari sottorete prima del fischio di inizio, davanti agli spalti gremiti”.
Così, davanti anche alla commozione di qualche giovane leva della Trivianum, il Sindaco ha ricevuto in dono dalla gigantesca mascotte della tana dei lupi e da Pino Minafra, capitano della formazione triggianese, la maglia numero 1 della divisa ufficiale 2010/2011.
“Siamo una città che si muove e pensa in modo contemporaneo e trasversale – ha concluso il Sindaco- siamo una città che sta guardando al futuro, puntando sulle buone idee, sulle risorse umane, specie se giovani e giovani professionisti, per realizzare quanto occorre per migliorarla e per garantirle una identità. Durante queste feste Triggiano resterà  piuttosto un cantiere che un parco per le slitte di Babbo Natale. Ce ne scusiamo, ma in queste ore l’ Amministrazione Comunale sta ultimando il primo dei due tratti della nuova circonvallazione. Il secondo sta per essere appaltato. Nel contempo sono in corso i lavori, sempre stradali, per lo smaltimento delle acque meteoriche. Nessuna sosta nemmeno il recupero del centro storico. Ma lasciamo perdere la propaganda. Restando in materia sportiva, una buona notizia è quella della realizzazione di un nuovo ‘Punto Sport’ in via Pertini. Ed ancora, un centro polisportivo sarà il fiore all’occhiello per lo sviluppo del P.R.U. della zona 167. In questa direzione i risultati della Trivianum ci fortificano circa i progetti e le prospettive a cui pensiamo in ambito sociale, sportivo e culturale. La stessa Biennale Dicillo credo sia stata un indiscutibile momento di eccellenza per Triggiano. Si è trattato di un ulteriore esempio che dimostra quanto questa città sia capace, lo ripeto, di mettersi in rete, di essere partecipativa. Tale motivazione era il presupposto per la realizzazione della Settima Edizione del Premio D’Arte Rocco Dicillo. Il successo è sotto gli occhi di tutti, con risvolti addirittura internazionali e riconoscimenti dal Capo dello Stato”.


 

Commenti  

 
+1 #2 michele difino 2010-12-30 13:27
e bene che cassano abbia partecipato, solo cosi si può dimostrare alla gente che è sfigato, che porta male, la faccia la dice lunga, ed è la persona sbagliata come primo cittadino.
 
 
#1 Orlando 2010-12-29 23:43
Cassano alla Trivianum? E che motivo c'era? Finora stavate vincendo.....
 

Non hai i permessi per aggiungere commenti.
I commenti possono essere inseriti solo dagli utenti registrati.
Per procedere con la registrazione clicca qui

Login

Inserisci nome utente e password per accedere. Poi click su accesso.

Dopo aver effettuato l'accesso potrai visualizzare | modificare il tuo profilo ed utilizzare tutte le funzionalità del sito riservate agli utenti registrati.

Banner
Promo Banner

Statistiche

Utenti : 630
Contenuti : 5965
Tot. visite contenuti : 5203413

Chi è on Line

Nessun Utente Collegato

Visitatori on Line

 16 visitatori online